Laserterapia: le esperienze degli operati

Valutazione

5 positive / 6 negative

Hai subìto un intervento di laserterapia?
Clicca qui e lascia la tua testimonianza!

Considera questi criteri quando lasci una valutazione per il tuo intervento di laserterpia HeLP:

Dolore

L’intervento è stato doloroso?
1 stella (molto doloroso) – 5 stelle (indolore)

Recupero

I tempi di recupero nel post-operatorio sono stati rapidi? Complicanze?
1 stella (4 settimane o più) – 5 stelle (tempi di recupero rapidi – 24/48h)

Efficacia

L’intervento è stato efficace? I risultati ottenuti sono soddisfacenti?
1 stella (insoddisfazione totale) – 5 stelle (soddisfazione totale)

{ 26 testimonianze… lascia la tua }
  • Fabrizio #

    La laserterapia sembra che sia una variante non cruenta della Milligan Morgan, con una certa riduzione del dolore post intervento.

  • Lorenzo #

    Ho 24 anni e sono stato operato di emorroidi di II° grado prolassate con la nuova tecnologia a laser HeLP. Oltre ad avere sempre tutto all’esterno ogni volta che andavo in bagno erano sempre litri di sangue, ho così deciso di operarmi.
    Dolore inesistente durante l’operazione in anestesia spinale.
    I dolori post operatori sono quasi inesistenti, ma dopo l’evacuazione (difficoltosa la prima settimana) a distanza di 10 giorni dall’operazione qualche dolore si manifesta per 10/15 minuti, ma tutto molto sopportabile e ogni giorno che passa va a scemare. Dopo 10 giorni di riposo, torno a lavorare e a condurre la mia vita normale come se non avessi avuto l’intervento, ma con la differenza che ora sono guarito!

    • Nicola #

      Dopo quanto tempo, a distanza dall’operazione, le emorroidi si sgonfiano?

  • Antonio #

    Scriverò la mia esperienza senza fare nomi e pubblicità alcuna.
    Vorrei solo dare una mano a chi soffre perché finalmente posso dire di star bene ed aver risolto il mio problema.
    Sono un operato nel 2008 con metodo Starr per prolasso.
    Avevo la sindrome di defecazione ostruita.
    Dopo l’intervento suddetto la mia situazione è sicuramente migliorata ma mai ho risolto del tutto il problema.
    Ovvero le emorroidi non sono mai scomparse e ogni volta che andavo in bagno dovevo farle rientrare manualmente.
    Per non dire tutte le volte che facevo un po’ di movimento, sport o altro, erano fuori con i relativi fastidi.
    Il giorno 18/05 ho eseguito un intervento che avevo scoperto grazie ad internet (metodica HeLP). Non vi dirò la struttura e neanche il medico perché non vorrei che qualcuno pensasse voglia far pubblicità. Cercate su internet. Ci sono diverse strutture in Italia che già la praticano anche con la convenzione sanitaria. Fidatevi.
    È’ stata una passeggiata di salute. Qualche piccolo fastidio per una settimana, non dolore ma le mie emorroidi sono praticamente quasi sparite.
    Niente tagli, con il laser fotocoagulano il sangue delle 12 arterie che irrorano sangue alle emorroidi e queste gradualmente si sgonfiano.
    Ragazzi, sto da Dio. Sono rinato. La tecnica non la conoscono ancora in molti, neppure il mio medico di famiglia e non è praticata dai proctologi ma dai vascolari. Si tratta appunto di vene.
    Comunque, ho fatto l’intervento la mattina ed il pomeriggio alle 16 ero fuori con le mie gambe.
    Le prime evacuazioni con piccole tracce di sangue e muco ma zero dolori.
    Fatevi coraggio.
    Metodica HeLP è la soluzione.

    • Mauro #

      Salve Antonio, volevo chiederti di che grado erano le tue emorroidi e se avevi anche tu un prolasso importante o moderato ed eventuali marische? Anche io soffro, ormai da anni, di emorroidi di 3° grado con prolasso mucoso e lievi marische.
      Dopo visita proctologica mi è stato consigliato l’intervento Starr (Longo), io però mi stavo documentando sulla tecnica HeLP. Considerando che hai affrontato entrambe le tecniche che mi si prospettano, con la tua risposta mi saresti di grande aiuto ed incoraggiamento, perché stavo valutando la possibilità di sottopormi alla tecnica HeLP ed aspettare ad affrontare la più invasiva Starr.

  • Alessandro #

    Sono stato operato nel gennaio 2008 per emorroidi con prolasso di 4° grado con la tecnica Longo. Dolore post operatorio atroce, risultato soddisfacente per 8 anni e mezzo ma i primi 3 mesi sono stati un inferno. Morale della favola, a settembre 2016 si sono verificati i primi sintomi di recidiva.
    Dopo consulti telefonici con alcuni proctologi mi è stata sconsigliata l’operazione Help perché definita come un qualcosa di temporaneo e che non avrei risolto il prolasso.
    Allora mi sono chiesto, perché la tecnica di Longo tanto reclamizzata cosa fa? Risolve il prolasso e le emorroidi con tanto di sofferenza post operatoria (da incubo) ma se sei portato al problema queste si ripresenteranno a distanza di anni e prolassano nuovamente. Mi sono quindi informato sulla tecnica Help su internet, praticata da chirurghi vascolari e non proctologi perché agisce sulle arterie.
    Dopo essermi convinto che fosse l’intervento da fare, ho preso appuntamento con un chirurgo che la praticasse per capire se potevano farla anche nel mio caso.
    Mi è stato diagnosticato un prolasso di 3° iniziale.
    Ad una settimana dalla visita e a distanza di 8 anni e 10 mesi, il 30 novembre 2016 mi sono operato con questa nuova tecnica Help, mini invasiva (fate attenzione c’è qualcuno che fa la elp, la h è importante).
    Rispetto alle altre tecniche riguardo il post operatorio non ci sono paragoni, innanzitutto ho fatto una sedazione e non un anestesia locale quindi dopo un ora puoi lasciare l’ambulatorio.
    A parte un leggero bruciore ieri, da oggi sto benissimo come se non avessi fatto nulla. Anziché Toradol oppure Orudis come nella Longo (e non mi facevano nulla perché soffrivo come un cane ) mi è stato prescritta Tachpirina 1000 al bisogno per 3 giorni e poi una copertura sanguinamento per 30 giorni Microvase crono (io non ho sanguinamenti ormai già da 3 settimane precedenti perché mi ero premunito con Daflon 500), poi bustine di Benefibra per poter fare molli le feci per 15 giorni e quindi evitare di staccare le crosticine delle bruciature laser.
    L’operazione è stata una passeggiata visto che a distanza di 24 ore sono tranquillissimo, nessun dolore e bruciore, sono andato di corpo già 2 volte senza nessun problema.
    Ora, che sia una risoluzione definitiva al problema emorroidale non posso di certo dirlo dopo 1 solo giorno dall’intervento ma sicuramente promette molto meglio di quelle effetuate dai proctologi perché quelle risolvono i prolassi e le emorroidi solo temporaneamente (poi alcuni hanno risolto per sempre ma sono stati fortunati o hanno avuto il problema per caso alla prima volta).
    La tecnica Help invece permette di bloccare il passaggio del flusso di sangue delle arterie (12 precisamente) che riforniscono le vene emorroidarie.
    In teoria se queste vene hanno meno rifornimento di sangue dovrebbero mantenere la loro dimensione e non gonfiarsi più.
    Sicuramente a primo impatto sembra la tecnica più efficace per arginare il problema delle emorroidi quindi ho scelto questa.
    Anche perché le altre mi avrebbero causato solo dolore post operatorio e risoluzione per quanto tempo ? La tecnica Help per me ha più basi per risolvere il problema e se mi risolve il problema delle emorroidi penso che la spesa effettuata per farlo ne sia valsa la pena. Riscriverò a distanza di qualche mese per aggiornarvi.

    • Mauro #

      Ciao Alessandro, volevo chiederti come vanno le cose a 15 giorni dall’intervento.
      Mi stavo documentando anch’io per la tecnica HeLP, ho emorroidi di 3° grado con prolasso mucoso e lievi marische. Volevo anche chiederti se il prolasso, che la HeLP non risolve, rimane fastidioso. In che regione ti sei operato?

    • Alessandro #

      Oggi per me è il 18 giorno da quando sono operato, proprio ieri mentre mi pulivo ho visto sulla carta igienica presenza di sangue e muco.
      Oggi ho chiamato il medico che mi ha detto di stare tranquillo e che è normale visto che dopo i 15 giorni inizia il distacco delle croste che si formano nella zone delle bruciature effettuate.
      Per quanto riguarda il prolasso ti posso dire che penso si possa solo ridurre e non sparire del tutto perché ormai è scesa la muscolatura, però da quello che mi è stato detto ti riferisco che comunque almeno un grado è fisiologico recuperarlo in quanto con lo sgonfiamento per forza di cose retrocedono. Mi sono operato in ambulatorio in Abruzzo, semplice lettino da visita, presente il chirurgo vascolare e l’anestesista. Dopo 10 giorni di riposo ho ripreso sia ad allenare che giocare a calcio, mangio di tutto (no speziato, niente abbuffate di cioccolato, niente eccessi di birra e al massimo 2 caffè, fumo ed in questo non ho ridotto). Sto benissimo, vado regolare in bagno, non ho bruciore e dolori da subito e non ho avuto sanguinamenti (solo ieri come già spiegato). Mi è stato detto di non abusare di caffè, alcol, cioccolata per tre mesi. Gli esiti finali dovrebbero vedersi dopo 30/45 giorni, per il momento tutto OK. Solo durante lo sforzo in bagno ancora permane la fuoriuscita visibile delle emorroidi ma si vede che sono in fase di sgonfiamento.

    • Alessandro #

      Salve, ad oggi sono passati 3 mesi giusti giusti, la situazione e che non ho sanguinamenti né dolori vari nella defecazione, faccio vita normale pratico sport e tutto quanto. Qualche volta ho ecceduto in alcool ma si sa è difficile dire di no quando ti ritrovi in feste con amici, però tutto ok.
      Unico problemino che non ho eliminato è sempre la fuoriuscita delle emorroidi all’ esterno, non mi danno nessun problema se non qualche leggero fastidio magari proprio dopo aver bevuto birra in eccedenza oppure dopo qualche partita di calcio. Più che altro mi sarebbe piaciuto sparissero ossia se sarebbero state risucchiate all’ interno sgonfiandosi maggiormente. Non sempre sono fuori ma…
      Sapevo che la tecnica Help è l’ ideale quando si sta entro i 2 gradi, io l’ ho fatta nonostante il terzo grado cioè quando hai già un prolasso, quindi è difficile che questo venga riassorbito come avrei sperato. Per adesso posso dire di essere soddisfatto e spero non avvengano peggioramenti, in realtà io ho scelto questa tecnica come già spiegato perché in teoria dovrebbe evitare altri rigonfiamenti proprio perché elimina la pressione del sangue sulle vene emorroidarie. Poi il dopo non lo so, vedremmo se sarà così. Però se uno le ha senza prolasso gli direi di farla subito, se invece uno ha il prolasso gli posso dire di farla ma che potrebbe avere comunque come me le emorroidi esterne un po fuori. Io mi sono accontentato perché avendo fatto l’ altra operazione e sofferto tantissimo, ritrovarmi dopo 9 anni nuovamente in quelle condizioni e dover ripetere la tradizionale mi faceva paura non poco. Come ho scritto precedentemente vi dico che l’operazione è una passeggiata ed il dopo uguale. Ho pagato per il fatto di voler risolvere subito ma so che c’ è in convenzione pure a Milano sul centro EuroMedica oppure Kiba. Hanno il sito potete chiamare e chiedere costi e quant’ altro. Io sono di Cagliari e ho fatto la visita a Roma e poi mi sono operato in Abruzzo in Provincia dell’Aquila.

    • Alessandro #

      Superati ormai i 3 mesi da una settimana (quelli che il dottore mi aveva chiesto per vedere la risposta all’operazione), andrò lunedì 14 Marzo a visita di controllo. Molto probabilmente effettuerò anche delle punture di schiuma sclerosante sui gavoccioli che fuoriescono durante lo sforzo in bagno. Come dicevo in altri post l’operazione mi ha soddisfatto per quanto riguarda tutti i problemi delle emorroidi interne (sanguinamenti, gonfiore, dolore, difficoltà a defecare) mentre per il prolasso c’è stata la riduzione di almeno un grado delle emorroidi perché prima dell’ operazione le emorroidi esterne rientravano solo manualmente oppure a riposo durante la notte (3° grado) mentre adesso da sole. Fuoriescono ed ho rigonfiamento leggero durante lo sforzo ma rientrano da sole dopo qualche ora (quindi dovrei essere al 2 grado). Queste punture di liquido sclerosante mi dovrebbero aiutare a farle regredire maggiormente e quindi eliminare maggiormente il problema. Vediamo un po’ come andrà, per adesso mi dice che sarà indolore e che al massimo avrò per un paio di giorni un rigonfiamento per poi via via scemare e diminuire. Vi aggiornerò settimana prossima come è andata e sopratutto cosa mi dirà per quanto riguarda il responso dell’operazione perché comunque sarà il primo controllo.

    • Alessandro #

      Dopo l’ operazione HeLP del 31 novembre 2016 ho effettuato la visita di controllo il 14 marzo 2017 ed ho fatto anche una puntura di sclerosante perché le emorroidi esterne, anche se ridotte, ci sono ancora. La puntura di sclerosante mi ha devastato per 10 giorni con dolori bruciori e voglia di andare in bagno per 20 volte al giorno. Mi aveva detto che ci sarebbe stato solo un gonfiore normale della zona e non avevo nessun antidolorifico prescritto invece sono stato parecchio male e la terapia è cambiata in corso. Nella parte in cui ho fatto la puntura effettivamente c’è un miglioramento ma nella parte opposta un peggioramento con sanguinamento importante da una settimana. Ora devo fare un’ altra sclerosante proprio lì dove sanguino ed ho rigonfiamento. Spero di non aver buttato via tanti soldi, tra viaggi e operazione HeLP e 2 punture sono arrivato a 3000€. La puntura di sclerosante mi ha creato un sacco di disturbi che la Help sembrava avermi risolto. Comunque ora sono in ballo e provo a fare quest’altra puntura, so già di che morte dovrò morire (stavolta voglio toradol come antidolorifico), spero mi elimini il sanguinamento (dovrebbe visto che la vena va in necrosi) e mi sgonfi le altre esterne come nella prima puntura. Credo che il risultato comunque non possa essere soddisfacente al 100% perché nonostante le emorroidi interne siano del tutto rientrate in sede e siano sgonfie, lo stesso non posso dire delle esterne che saranno pure retrocesse indietro ma non risolte. Dopo questa puntura cercherò qualche soluzione per risolvere definitivamente e in modo convenzionato.

    • Alessandro #

      A 10 mesi dall’operazione HeLP, assolutamente indolore, ho effettuato solo due punture di sclerosante per ridurre i gavaccioli che fuoriuscivano riportando in sede il prolasso. Soddisfazione a mille, l’ultima puntura e controllo risale ad Aprile, con la seconda sono stato benissimo perché mi sono aiutato con bentelan 1,5 mg per ridurre l’infiammazione ed infatti non ho avuto i dolori post prima puntura. Sto benissimo ed ora spero non mi ritornino più, se così come dovrebbe essere la HeLP mi eviterà la pressione delle 12 arterie e quindi il rigonfiamento delle emorroidi. Ho speso tra operazione e viaggi per controllo ma per il momento credo di aver fatto un ottima scelta.

  • Francesca #

    Pessima idea. Ho fatto il laser 3 anni fa, e da un anno sto nuovamente male. Il post operatorio è stato un inferno. Dolori atroci.

    • Alessandro #

      Sicuramente non è la tecnica HeLP , impossibile che uno abbia dolore e l’altro sì.
      Forse non ti hanno sedata. Riguardo al fatto che sei di nuovo allo stesso punto, mi preoccupa non poco visto la spesa che ho sostenuto e poi non voglio ritornare al punto di partenza e fare quella di Longo, quella è meglio ammazzarsi che farla. Boh non so, l’unica cosa che posso dirti è che mi sembra strano ciò che hai provato facendola, ripeto sicuramente non ti hanno sedata, però se hai avuto dolori pure nel dopo, cioè giorni dopo allora ti dico con fermezza che non hai fatto quella HeLP, occhio perché in un sito ho letto ELP ed infatti in quella c’era l’aggiunta di tagli (bisturi). Ripeto questa in teoria è nata per non far rigonfiare le vene emorroidarie togliendo la pressione venosa, quindi non mi resta che aspettare.

    • Cristian #

      Esistono due tecniche laser , una vecchia dolorosa e inefficace non più usata e una molto recente denominata HeLP quasi indolore.

  • Roberto #

    Lo scorso ottobre, dopo circa 1 anno di perdite di sangue più o meno continue (poche volte qualche sgocciolamento evidente, per la maggior parte tracce sulla carta igienica) ma senza alcun dolore o segno evidente di emorroidi, mi decido di fare una visita proctologica. Mi vengono diagnosticate emorroidi interne di 3° grado con prolasso: soluzione operazione tradizionale (squartamento). Dico ingenuamente di si e mi preparo. Fortuna vuole che qualche giorno prima dell’operazione trovo questo sito: leggo angosciato, alla fine sono terrorizzato e cancello tutto (con evidente disappunto del dottore). Passo 2 mesi a dieta ferrea e a gennaio decido di andare a fare una visita a Milano per un eventuale intervento con tecnica HeLP. Qui mi viene detto che le emorroidi sono di 2° grado (il dubbio mi era già venuto consultando questo e altri siti dove vengono spiegati i sintomi dei diversi stadi) e che era possibile operarmi con successo. Il 1° febbraio ho fatto l’intervento. Il tutto è durato 15 minuti con 5 minuti di reale intervento. Nessuna sedazione, un po di Valium via endovena (per tranquillizzarmi hanno detto). In realtà ero tranquillissimo. Nessun dolore forte, solo un senso di fastidio al termine delle sequenze dei 5 impulsi laser (ripetuti sulle 12 vene). In pratica, per ogni vena il laser si attiva 5 volte a distanza di pochi secondi: verso il terzo impulso inizia il fastidio che diventa forte al 5 impulso, ma poi c’è una pausa che ti rilassa completamente prima della vena successiva (il forte fastidio è uno stimolo forte a defecare, come quando viene la diarrea) Comunque è stato molto meno di come mi aspettavo. Terminato con gli impulsi laser tutto è tornato alla normalità senza alcun dolore. Dopo circa 30 minuti dall’operazione sono tornato a casa senza problemi. La sera ho esagerato un po’ con il cibo (ero a dieta strettissima da 3 giorni per evitare che durante l’operazione uscisse roba) e nella notte ho avuto diversi attacchi di mal di pancia con frequenti corse in bagno, è stata una brutta notte. Il giorno dopo non stavo bene ed ho avuto un po’ di febbre. Nessun dolore lì ma scombussolamento intestinale, non so se dovuto all’operazione o all’abbuffata. La febbre il dottore mi ha detto che poteva venire, il mal di pancia no. Comunque per circa una settimana ho avuto sensazioni di dover andare in bagno con attacchi frequenti e violenti (anche un po’ di aria mi scatenava lo stimolo) ma via via sempre meno fino a scomparire del tutto. Sempre nessun dolore. Il dottore mi ha detto che comunque devo stare a dieta, ovvero evitare i cibi che irritano ed evitare di spingere troppo in bagno, altrimenti tutto tornerà come prima. A distanza di 45 giorni circa con dieta più o meno seguita e con spinte limitate il problema c’è sempre, ovvero le tracce di sangue ci sono quasi sempre, poche ma ci sono. Il dottore mi ha comunque detto che servono 60/90 giorni per avere i risultati. Io spero che sia così. Il costo dell’intervento comunque non è poca roba, sommandola alle visite di prima e dopo si arriva a 5000 euro!

    • Roberto #

      Mi spiace dirlo, ma dopp 1 anno dall’operazione in realtà non è cambiato nulla. Ovvero problema NON risolto.
      Appena spingo un po’, sangue a fiotti ed anche quando non spingo ci sono quasi sempre tracce di sangue sulla carta igienica, pur pulendomi con una delicatezza infinita. Anche la dieta per andare di corpo regolarmente serve a poco. Posso anche andare regolare tutti i giorni e farla morbida, ma quando pulisco c’è sangue il 50% delle volte. E se vado più di una volta al giorno si irrita ed è peggio. Questi dottori ti riempiono la testa di paroloni, ti dicono che sei assolutamente operabile, promettono che risolverai senza problemi, prendono un mucchio di soldi per l’operazione e le varie visite, quando lamenti problemi di sanguinamento dopo mesi dall’operazione ti dicono che è tutto ok (quando prima invece ti dicono che in 3/4 mesi al massimo sarà tutto risolto), ma la verità è un’altra. Temo che questa tecnica sia solo una importante perdita di soldi. Da tecnico meccanico, in fondo, dovevo pensarci meglio (ma in quei momenti la disperazione ti fa vedere salvezza in ogni angolo): se restringo un tubo (vena), (ovvero quello che fa questa tecnica) non impedisco il passaggio del liquido (sangue), ma solo rallento il suo passaggio. E qui parliamo di 10 cm di lunghezza, per cui, invece di ingrossarsi dopo 10 secondi di spinta, le vene si ingrossano dopo 20 (o meno). Non cambia praticamente nulla!

  • Valentina #

    Ho fatto HeLP a Milano il 3 maggio, dolore durante l’intervento e dopo più che sopportabili. Le emorroidi per ora a distanza di 9 giorni dopo essere andata in bagno tornano fuori ma il problema non è quello.
    Oggi a distanza di 9 giorni ho avuto lo stimolo di andare in bagno e dopo 9 giorni perfetti ho defecato solo grumoli molto grossi di sangue e sangue liquido. È normale? A qualcuno di voi è successo?
    Non nego che la cosa mi stia un po’ spaventando!

    • Alessandro #

      No Valentina, a me non è capitato, sapevo solamente che poteva succedere dopo 15 giorni la possibilità che si staccasse qualche crosticina e potessi sanguinare. Mi era stato detto di non forzare nei primi 15 giorni per non anticipare la caduta delle croste, poi nel tuo caso non so se magari sia la stessa cosa ma successa in anticipo. Magari non è niente di che, ti consiglio di parlarne con il medico che ti operata.

  • Ele #

    Sono stata operata a marzo dopo che il chirurgo mi disse che nel mio caso, prolasso carcerato, era fattibile. Oramai daflon e creme non sortivano più alcun effetto. I primi giorni tutto perfetto. dopo nemmeno due mesi ancora gonfiore, emorroidi fuori, sangue sangue e sangue. Da allora ogni mese circa mi faccio una settimana che sgorgo a fiumi sangue che sembra acqua, per lui è tutto normale. Non può esserlo cavolo. Ora sono ancora nel pieno sanguinamento. Quando mi gonfio ricorro a riposizionarle manualmente, non so più nemmeno cosa sia la carta igienica perché oramai posso usare solo le salviette umidificate. A giorni andrò da un altro perché se qualcosa è andato male o comunque nel mio caso non era fattibile, bastava dirlo. Pago ogni mese per chiudere il finanziamento e sono sconfortata.

  • Roberta #

    Operata con laser HeLP a Brescia dopo anni e anni di sofferenze e aver girato almeno 4 centri privati specializzati in tecniche diverse, alla fine ho scelto questa che mi dava più certezze di riuscita senza troppi dolori. Operata in data venerdì 2 febbraio 2018 in day hospital e per adesso avverto pochissimo dolore (nulla in confronto a quanto ho sofferto quando s’infiammavano), un po’ di febbre e vado in bagno senza problemi chiaramente con Biotransit tutte le sere. Vi terrò aggiornata.

    • Roberta #

      Da qualche giorno mi si sono infiammate di nuovo, è un dilemma capire il motivo. Il dottore consiglia di riprendere la cura post operatoria per un altro mese, qualcuno risolve così, altrimenti c’è il piano B. Il 10% dei pazienti lo risolve così, anch’esso mini invasivo. Speriamo, è un calvario soprattutto affrontare una giornata lavorativa impegnativa.

  • Filippo #

    Soffrivo di emorroidi di 3° grado congeste che fuoriuscivano ad ogni volta che andavo al bagno.
    Sono venuto a conoscenza del metodo HeLP che prometteva zero dolori. Mi sono fatto sottoposto al trattamento a settembre 2016, dopo tre mesi le emorroidi erano ancora presenti.
    Consigliato dallo stesso medico ho riprovato il trattamento a novembre 2017, nulla di fatto, le emorroidi fuoriuscivano ancora.
    Ho un’assicurazione che copre tutto fortunatamente.
    Il trattamento è indolore e mezz’ora dopo si va a casa con le proprie gambe ma non lo consiglierei, secondo la mia esperienza, per gradi elevati di emorroidi.
    A marzo ho fatto la “Longo”. Saprò dire più avanti.

  • Andrea #

    Ho subito un intervento HeLP per emoroidi di 2°grado 15 giorni fa. Soffro più dolore ora che prima dell’intervento. 2.000 euro buttati, sono gonfissimo. Prima facevo tutto, bici moto calcio ecc… Ora non riesco neanche a sedermi sulla sedia. Pensare che ero andato per estetica, per un pallino. Ora ho una noce.

  • Elena #

    Sono passati 7 giorni dopo l’operazione al laser. Continuo ad aver male ogni volta che vado in bagno e mi esce molto sangue. Mi chiedo quando finirà questa sofferenza.

  • Luca #

    Mi sono sottoposto al metodo HeLP in una clinica privata della mia zona 1 anno fa.
    Secondo me mi hanno addormentato, svuotato il portafoglio e svegliato senza fare nulla tranne aver staccato un assegno. Dolori, sangue etc è tutto uguale a prima e soprattutto non ti seguono più dopo il trattamento.

Valutazione